Spiritu, Corde, Practice – Parole latine per dare forma alle comunicazioni evangeliche

Ogni anno a maggio, la Chiesa celebra la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. La nostra missione è quella di “andare per tutto il mondo e proclamare la Buona Novella”. Che grande responsabilità, un dono meraviglioso e una grande ed emozionante missione! I media e il nostro coinvolgimento nei media possono essere al centro di questa missione. I nostri siti web, le nostre pubblicazioni, i nostri social media, i nostri video possono giocare un ruolo centrale.

La Chiesa e la Compagnia di Gesù sono migliorate così tanto in questi settori negli ultimi dieci anni, ma c’è ancora molta strada da fare. Dove sono i punti specifici di crescita? Possiamo prendere una foglia dal libro delle imprese secolari e commerciali. Ci parlano dei prodotti quotidiani, impiegano una grande creatività, e sono capaci di suscitare passione e di ispirare azione.

Quindi, la chiamata per noi è di essere creativi anche sul Regno, sul messaggio di Gesù. Lui stesso ha usato parabole e storie per coinvolgere le persone. Ha parlato del figliol prodigo, della moneta perduta, degli operai della vigna. E quando gli è stato chiesto “Chi è il mio vicino?” non ha risposto con una discussione intellettuale, ma ha raccontato l’indimenticabile storia del Buon Samaritano. Il primo accenno riguardo a come raccontare una buona notizia è quello di raccontare una storia, di parlare di persone e di tempi e luoghi reali, di essere vulnerabili. Attraverso la vulnerabilità dei vasi di creta (2 Cor 4,7), la grazia di Dio è viva. Jerome Nadal ha dato tre suggerimenti per una buona comunicazione: Spiritu, Corde, Practice. Una traduzione che equivarrebbe a una spiegazione potrebbe essere: Ispirata dallo Spirito, parlando dal cuore, e collegandosi al quotidiano.

2020-05-22_comms-day_js-h

Qui, nella Curia della Compagnia di Gesù, abbiamo prodotto “Racconti gesuiti”, una serie di video che illustrano le opere dei gesuiti e dei partner nella missione in tutto il mondo, sulle modalità di vivere le Preferenze Apostoliche Universali. Questi racconti parlano di spiritu, di corde, di practice. Vogliamo che i gesuiti e i partner nella missione in tutto il mondo ci mandino le loro storie, raccontate a modo loro, con il loro sapore culturale. Una seconda iniziativa in corso è quella di lavorare con le scuole di comunicazione delle istituzioni gesuite di tutto il mondo. Il progetto comprenderà la dimensione dell’apprendimento (attraverso materiali forniti e workshop registrati), la creatività (attraverso la ricerca e la produzione), così come il networking e la promozione dei giovani talenti (mostrando questi saggi e film nei nostri media e in quelli dei nostri partner). Soprattutto, crediamo che l’iniziativa dovrebbe sensibilizzare l’opinione pubblica sugli aspetti cruciali della missione dei gesuiti che si riflettono nelle quattro Preferenze Apostoliche.

La creatività e l’immaginazione sono oggi così centrali e possono spingere le persone verso Dio... o lontano da Dio. Il teologo Michael Warren si chiede: “Chi sta immaginando la tua vita per te?” Alcune persone lasciano che la loro vita sia immaginata dai guru della pubblicità. Possiamo aiutarli a immaginare la loro vita in modo evangelico? Questa è la sfida centrale della comunicazione del Vangelo oggi.

2020-05-22_comms-day_main
Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate