“Insieme guariamo, impariamo e brilliamo”

In collaborazione col JRS Internazionale (Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati)

La Giornata Mondiale del Rifugiato viene celebrata il 20 giugno di ogni anno. Questa giornata internazionale è stata designata dalle Nazioni Unite per onorare i rifugiati di tutto il mondo, mettere in evidenza la loro condizione e lavorare insieme per trovare soluzioni a lungo termine allo sfollamento. Il tema della Giornata Mondiale del Rifugiato 2021 è “Insieme guariamo, impariamo e brilliamo” e chiede una maggiore inclusione dei rifugiati nei sistemi sanitari, scolastici e sportivi.

Il COVID-19 ci ha mostrato che possiamo essere salvati solo insieme, come ci ha ricordato Papa Francesco. La Compagnia di Gesù, in tutto il mondo e principalmente mediante la rete del JRS, è impegnata con i rifugiati e nella guarigione delle loro ferite. Questo apostolato è in linea diretta con la sua seconda Preferenza Apostolica Universale: accompagnare i poveri e gli emarginati.

Ecco una storia che ci aiuta a capire come lavora il JRS nello spirito della Giornata Mondiale del Rifugiato 2021.

2021-06-19_jrs-wrd_jrs

© JRS Camerun

Camerun: giovani del luogo e rifugiati costruiscono un futuro comune

A Bertoua, in Camerun, gli studenti non stanno solo imparando delle abilità professionali, ma anche come vivere e lavorare insieme. Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) del Camerun offre un corso di formazione professionale di otto mesi, oltre all’alloggio in camerate a giovani rifugiati e camerunesi, in cinque diversi centri. Il progetto promuove la riconciliazione e la coesione sociale con l’obiettivo di porre fine alla discriminazione contro i rifugiati centrafricani nel paese, costruendo legami tra le comunità e fornendo opportunità ai giovani di costruire un futuro migliore.

“Questa formazione ha dei benefici sia per i camerunesi che per i centrafricani”, dice Zari, un giovane camerunese che sta seguendo il corso di assistente sanitario. “Per i camerunesi, significa beneficiare della scoperta di nuove culture e di nuovi modi di vita. Inoltre, imparare a collaborare nelle nostre rispettive attività è vantaggioso per tutti noi.”

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), più di 105.000 centrafricani sono stati sfollati nei paesi vicini, dopo le violenze scoppiate durante le elezioni del dicembre 2020, e più di 5.000 di loro hanno trovato rifugio in Camerun.

La mancanza di risorse e opportunità ha alimentato pregiudizi e ostilità verso questi nuovi arrivati. L'accesso limitato ai servizi di base e all'istruzione ha anche creato casi di esclusione sociale per gli individui sfollati con la forza nei loro paesi ospitanti.

In questo programma di formazione giovanile del JRS, il 70% degli studenti sono rifugiati, mentre il 30% fanno parte della comunità ospitante. Questo crea opportunità di scambio culturale, ospitalità, solidarietà e fratellanza. Gli studenti partecipano anche ad attività teatrali, cinematografiche e di costruzione della pace.

Da quando il programma è iniziato nel 2018, circa 470 studenti hanno approfittato dei vari corsi offerti, tra cui corsi per insegnare competenze in settori come ospitalità, parrucchieri ed estetica, amministrazione e sanità.

“Sto imparando le funzioni del corpo umano e come lavorare in un centro sanitario, perché il mio sogno è quello di curare gli altri”, ha detto Ezéchiel della Repubblica Centrafricana, che sta seguendo lo stesso corso di Zari.

“Personalmente, mi piacerebbe sviluppare la mia attività con un rifugiato”, ha detto Esther. Dopo aver vissuto con un gruppo misto di amici mentre seguiva un corso di amministrazione, ha capito l’importanza dell’inclusione sociale per i rifugiati. “I rifugiati hanno bisogno di persone che li capiscano per superare le loro difficoltà”, ha detto.

“All’inizio, non ero molto entusiasta dell’idea di vivere con persone che non conoscevo”, ha detto Sylver della Repubblica Centrafricana. Ma in seguito ho pensato che potevamo davvero completarci e aiutarci a vicenda”. “Dopo aver finito il corso di amministrazione, vuole avviare un’attività con una persona camerunese per contribuire alla pace e alla stabilità. “Devi pensare agli altri come a tuoi fratelli e sorelle”, ha sottolineato Sylver.

Insieme guariamo

Non possiamo guarire e progredire finché tutti noi, compresi i rifugiati e gli sfollati con la forza, non saremo vaccinati. Unisciti al JRS nel chiedere equità nella distribuzione dei vaccini.. Condividi la dichiarazione del JRS (in inglese).
 

CONDIVIDI
2021-06-19_jrs-wrd_heal
2021-06-19_jrs-wrd_learn

Insieme impariamo

L'istruzione prepara i rifugiati ad affrontare le sfide future e a creare un futuro migliore per sé stessi e per le loro comunità. Aiuta il JRS a fornire un'istruzione di qualità ai rifugiati.
 

AIUTA IL JRS

Insieme brilliamo

Lo sport ha il potere di guarire, rafforzare i legami e le reti sociali e promuovere gli ideali di pace. Scopri come il JRS sta usando lo sport per aiutare i rifugiati a brillare. Guarda l'evento virtuale del JRS/USA su sport e rifugiati (in inglese).
 

GUARDA
2021-06-19_jrs-wrd_shine
Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate