Le PAU come fonte d’ispirazione… anche per i giovani del Myanmar

Di Titus Tin Maung, SJ

Quando, nel 2000, terminò il mese degli Esercizi, il nostro Maestro dei Novizi ci disse che eravamo diventati più umani. Per quanto mi riguarda, lo presi alla lettera; lo considerai come una conferma che avevo fatto bene il ritiro. Da allora sono cambiate l’immagine che ho di me stesso, l’immagine che ho di Dio e la mia visione generale del mondo. Durante gli anni è cresciuto silenziosamente in me un forte interesse per la spiritualità ignaziana, cosa che mi ha aperto un cammino liberatore per avanzare e liberare tutto il mio potenziale come persona. Un gesuita è un peccatore, eppure Dio lo ama e lo chiama per renderlo partecipe del Suo continuo lavoro di creazione nel mondo. Questa perenne intuizione gesuitica è rimasta incastonata nelle profondità della mia memoria.

Sognavo che altri potessero scoprire il cammino ignaziano verso Dio e così il mio Super-Io non si lasciava sfuggire quasi nessuna opportunità. Poco dopo la mia ordinazione sacerdotale, accettai la direzione dei ritiri ignaziani per grandi e piccoli gruppi di giovani e di religiosi di diverse congregazioni e di tutte le età; il numero dei ritiri ha quasi raggiunto i 400, negli ultimi tre anni. Adattare gli Esercizi Spirituali è sempre stato importantissimo; i ritiri realizzati in gruppo sono stati spesso più accessibili di quelli personalizzati, per la maggior parte della gente in Myanmar. Il tema fondamentale di qualunque ritiro ignaziano è, comunque, il tema dell’essere “peccatore eppure amato”. Ogni tanto offro un piccolo esempio del tema settimanale degli Esercizi, in piccole dosi, ai religiosi di mezz’età durante i loro ritiri annuali di sei o di otto giorni.

2021-07-15_UAPs-inspiring_MAGIS

Fra tutte queste attività, nulla mi risulta più piacevole della lettura della prima Preferenza apostolica universale della Compagnia di Gesù: gettare le fondamenta nella gente per mezzo degli Esercizi Spirituali e del discernimento. Pochi mesi prima che le PAU fossero rese pubbliche, la mia proposta di realizzare un corso di spiritualità ignaziana era stata approvata dal Superiore della missione di Myanmar: la sensazione di ratificazione mi percorse la schiena come un brivido, mentre leggevo il testo della prima PAU. La mia esposizione personale alla spiritualità ignaziana aveva avuto luogo, soprattutto, durante i miei lunghi anni di formazione ed i miei esercizi annuali di otto giorni. Ora sono in Australia, a Melbourne, e sto esplorando la ricca eredità spirituale di Ignazio nel Jesuit College of Spirituality e posso vederlo solo come una manifestazione della Divina Provvidenza. Ora, a metà del corso, mi rendo conto che la mia conoscenza della spiritualità ignaziana era minimo.

In questo momento sogno con ancora maggiore entusiasmo; oso pensare che conoscere in profondità la tradizione ignaziana dovrebbe offrirmi la flessibilità creativa necessaria per poter dirigere più gente sul cammino ignaziano per raggiungere Dio. Un viaggio di mille miglia comincia con un passo: io ho cominciato a muoverne qualcuno verso la terra promessa della spiritualità ignaziana. Magis è una parola magica che mi fa sorridere durante questo viaggio spirituale.

Il “Magis” è stato anche un cammino per i cuori dei giovani del Myanmar. Ho avuto il privilegio di collaborare con la nascita del programma Magis in quella “terra dorata”. La Missione del Myanmar della Compagnia di Gesù (MMSJ, la sua sigla in inglese) sviluppò il suo primo programma nazionale Magis nel 2019 e vi presero parte circa 120 giovani di 16 diocesi. Oltre ai giovani cattolici, si unirono anche un ragazzo musulmano, una ragazza buddista ed alcuni cristiani di altre confessioni. Durante il programma, i partecipanti entrarono in contatto con un lazzaretto, con diversamente abili, con un orfanotrofio e con i netturbini della città, poi realizzarono un pellegrinaggio. L’esame di coscienza quotidiano guidato, successivo alle attività, ha aiutato i partecipanti ad essere più coscienti non solo di loro stessi, ma anche del loro prossimo meno fortunato. Molti hanno imparato ad apprezzare ancor di più il regalo della vita e la natura, proprio per mezzo di questo programma. In risposta alla Laudato si’ di Papa Francesco, Il gruppo di giovani del Myanmar ha piantato migliaia di alberi. Potrebbe sembrare solo una goccia nell’oceano, eppure è significativo; si tratta di inculcare la coscienza della natura nella mente dei nostri giovani.

2021-07-15_UAPs-inspiring_kids

Il Magis è stato uno strumento realmente efficace per mezzo del quale la Missione della Compagnia in Myanmar dovrebbe continuare a toccare i cuori di molti altri giovani del Paese. È chiaro che si tratta di un mezzo molto importante per accompagnare i giovani che, per troppo tempo, sono stati privati di programmi creativi di formazione umana, a causa del sistema politico oppressivo del Myanmar. Stare accanto ai poveri è stare accanto ai giovani, secondo la MMSJ, dal momento che questi ultimi non hanno a disposizione un buon sistema educativo, né opportunità economiche, né alfabetizzazione politica. Per mezzo del programma Magis, la MMSJ toccherà i cuori e stimolerà le menti di moltissimi altri giovani. Questa è la mia speranza e sono disposto ad avere un ruolo in questa proposta.

La collaborazione con tutte le attività che abbiamo menzionato fino ad ora, senza perdere di vista le PAU, ha arricchito la mia vita come giovane gesuita. Le PAU hanno mostrato la vera ricchezza originale della visione e della spiritualità ignaziana; non solo mi hanno dato nuovi occhi per osservare il mondo, ma anche passi concreti da compiere per avanzare.

[Articolo della pubblicazione "Gesuiti - La Compagnia di Gesù nel mondo - 2021", di Titus Tin Maung, SJ]

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate