La Homeboy Industries ha ricevuto il premio umanitario Hilton 2020

Niente ferma un proiettile come un lavoro.

Padre Greg Boyle

Questo semplice slogan ha dato l’avvio a un ministero che avrebbe cambiato per sempre la zona Est di Los Angeles. Nel processo, quel ministero sarebbe diventato una fonte di ispirazione mondiale per coloro che cercano di sollevare gli emarginati dalla povertà e di spezzare il ciclo di violenza e reclusione. È stato questo lo slogan che il p. Greg Boyle, un sacerdote gesuita della California, ha usato come base per un’iniziativa che ha chiamato “Homeboy Industries”. Iniziata nel 1988 nel centro di Boyle Heights – all’epoca la zona con la maggiore attività di bande negli Stati Uniti – la Homeboy Industries (“Jobs for a Future”) ha cercato di servire gli ex membri delle bande e coloro che erano stati reclusi di recente con un misto di consulenza sociale e di salute mentale, formazione professionale e servizi legali.

Nel corso dei suoi 32 anni di attività, Homeboy Industries è passata da un ministero sostenuto da volontari che ha servito una persona alla volta all’esterno della Dolores Mission Church, a un’istituzione da 23 milioni di dollari all’anno con un proprio campus che ospita 7 imprese sociali. Oggi, la Homeboy Industries dà lavoro a 300 dipendenti, che hanno seguito, tutti quanti, il programma sperimentato ogni anno da più di 8.000 tirocinanti. Insieme gestiscono diverse attività: la Homeboy Bakery, la Homegirl Café & Catering, la Homeboy/Homegirl Merchandise, la Homeboy Farmers Market, la Homeboy Silkscreen & Embroidery, la Homeboy Grocery, oltre alla Homeboy Café & Bakery all’aeroporto internazionale di Los Angeles.

2020-08-04_homeboy-hilton_fg

32 anni di ministero sono un’impresa impressionante di servizio reso a una comunità storicamente poco servita, ma questo non sarebbe di per sé sufficiente per ottenere il Conrad N. Hilton Humanitarian Award, il più grande premio umanitario annuale assegnato alle organizzazioni no-profit. Ogni anno la fondazione conferisce un premio di 2,5 milioni di dollari, creato nel 1996 per onorare la vita filantropica e dedita a sforzi umanitari di Conrad N. Hilton, a un’organizzazione no-profit che mostri “contributi esemplari e straordinari per alleviare la sofferenza umana”. La Homeboy Industries può aver attirato la loro attenzione con i suoi tre decenni di servizio, ma ciò che ha colpito maggiormente i giudici è stato il modo in cui il ministero ha cambiato non solo la zona Est di Los Angeles, ma anche opere simili in tutto il mondo.

Secondo i numeri, la Homeboy Industries è ragguardevole. Raccoglie 23 milioni di dollari all’anno in finanziamenti: 14 milioni di dollari da fondazioni, 7 milioni di dollari da imprese della Homeboy Industries e 1 milione di dollari da sovvenzioni governative. Di questi 23 milioni di dollari, TUTTI sono spesi all’interno del programma per i suoi oltre 8.000 tirocinanti, 300 dipendenti, 7 imprese sociali, la rimozione di tatuaggi, la consulenza sulla salute mentale e programmi di formazione completi che includono argomenti che vanno dalla gestione della rabbia e il recupero dell’abuso di sostanze, allo sviluppo spirituale e alla finanza personale. Ma il programma non si limita ad essere autosufficiente o a gestire un’impresa efficiente. La vera forza della Homeboy Industries va oltre i numeri.

Ogni settimana 15 persone fanno un colloquio di lavoro presso la Homeboy Industries. Hanno tutti fatto parte di una banda, sono stati reclusi e, dopo il rilascio, sono risultati puliti al test antidroga. La Homeboy si occupa dei casi più difficili attraverso la “discriminazione al contrario”: i candidati più a rischio, più indesiderabili per un lavoro tradizionale, vanno in cima alla lista. Secondo il p. Greg, o “padre G” come è conosciuto per strada, “se la Homeboy non può aiutare non c’è nessun altro posto nella contea che possa farlo”.

Per quanto riguarda la formazione, la Homeboy usa gli affari delle sue imprese sociali come programmi di formazione. Per la maggior parte dei casi trattati, si tratta dei primi lavori che abbiano mai fatto nella loro vita. Padre G vede la formazione come un passo cruciale per spezzare il ciclo del crimine e della reclusione: “Mostriamo loro che POSSONO essere orgogliosi di una buona giornata di lavoro e provvedere ai loro cari. Mostriamo loro che sono importanti, che ne vale la pena”. Insieme a questa formazione ci sono corsi di sviluppo personale e di istruzione, oltre a un programma che è diventato un servizio fondamentale della Homeboy Industries: la rimozione gratuita dei tatuaggi.

All’inizio dello sviluppo del ministero, padre G ha riconosciuto che i tatuaggi possono seriamente inibire la capacità degli ex membri delle bande di assicurarsi un impiego regolare. Purtroppo, la rimozione dei tatuaggi è dolorosa e può essere abbastanza costosa, richiedendo a volte anche un anno di tempo e 20 trattamenti: richiesta che supera quasi sempre i mezzi degli Homeboy e delle Homegirl. Vedendone la necessità, padre G ha aggiunto una clinica per la rimozione dei tatuaggi con il laser all’interno della Homeboy Industries per fornire il servizio gratuitamente. Fino al 2020, la clinica ha rimosso più di 50.000 tatuaggi da ex membri di bande.

2020-08-04_homeboy-hilton_grooup

Tutti questi servizi, insieme alla reputazione che padre G si è guadagnato in tre decenni, hanno creato un programma rispettato dalla comunità e chiaro nella sua missione. Per molti aspiranti tirocinanti che varcano la porta per la prima volta, di solito amareggiati e cinici, vedere persone come loro - con background e storie personali simili - che sono disposte ad aiutarli, rende la Homeboy Industries più una famiglia che un’azienda. Come ha osservato un tirocinante, “Non sapevo quanto fossi a pezzi finché Homeboy non mi ha lasciato guarire”.

E funziona.

Nell’autunno del 2017, l’UCLA ha concluso uno studio sui tassi di recidiva che ha confrontato la Homeboy Industries con altri programmi post-reclusione. Lo studio ha rilevato che, mentre i programmi tradizionali di post-reclusione avevano un tasso medio di recidiva del 70% o superiore, nei tirocinanti della Homeboy Industries la recidiva era meno del 30%. La notizia di questo successo ha fatto sì che ogni anno più di 15.000 visitatori entrassero dalle porte della Homeboy Industries per vedere come funziona il programma, compresi i visitatori provenienti da altri paesi. Durante una visita alla Homeboy Industries da parte del Padre Generale Arturo Sosa, padre G ha osservato: “Diamo volentieri quello che facciamo a chiunque voglia imitarci nell’aiutare i nostri vicini, i più bisognosi".

Nei prossimi giorni pubblicheremo le storie personali di alcuni degli Homeboy e delle Homegirl che hanno dato una svolta alla loro vita con l’aiuto di padre G e degli Homies.

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate