I gesuiti in Australia: in sintonia con le Preferenze Apostoliche Universali

Intervista al p. Dominic Quyen Vu, Superiore della Provincia australiana, durante il “Colloquio” per i nuovi Provinciali che si è tenuto in Curia, a Roma, nel mese di marzo.

P. Quyen, Lei è il Superiore della Provincia australiana da più di un anno ormai. Ha assunto il suo incarico durante la pandemia di Covid-19. Quali sono state le sfide?

Melbourne ha avuto il periodo più lungo di confinamento al mondo a causa del Covid-19, per cui sono considerato un Provinciale del Covid-19. È stato abbastanza impegnativo per me perché ho assunto l’incarico durante il confinamento a causa della pandemia e non sono potuto andare in ufficio, né ho potuto visitare i servizi apostolici o le persone in quel periodo. Non ci è stato permesso di uscire di casa se non per fare la spesa e un’ora di attività fisica nel raggio di 5 km da casa.

2022-04-06_quyen-vu_portrait

P. Dominic Quyen Vu.

Potrebbe farci un “ritratto” della sua Provincia, in poche parole? Quali sono i principali apostolati e fino a che punto ritiene che siano in linea con lePreferenze Apostoliche Universali?

La Provincia australiana annovera 103 gesuiti: 93 sacerdoti, 4 fratelli, 5 scolastici e 1 novizio. L’età media della Provincia è di 69 anni. La nostra Provincia include l’Australia e la Nuova Zelanda; abbiamo solo un gesuita che lavora nella diocesi di Hamilton in Nuova Zelanda. I nostri apostolati principali riguardano l’educazione, la spiritualità, l’apostolato sociale e la pastorale parrocchiale. Tutti gli apostolati della nostra Provincia si sono allineati alle Preferenze Apostoliche Universali. La nostra esperienza è che la preghiera e la nostra vulnerabilità umana davanti a Dio sono alla base di tutto il resto nella Provincia. Abbiamo dato priorità alla Spiritualità Ignaziana in tutte le nostre opere e preferenze.

Quale pensa che sia la caratteristica principale della sua Provincia? Cosa ha reso unica la Provincia australiana?

La cura degli esclusi e l’ascolto, soprattutto l’ascolto delle voci dei nostri popoli delle Prime Nazioni, sono stati i nostri interessi principali negli ultimi anni. Da qualche anno abbiamo avviato un progetto chiamato ‘The Bookends Project’ che cerca di riconciliare il rifiuto storico, da parte del nostro Paese, delle Prime Nazioni e di coloro che chiedono asilo, con il riconoscimento, la giustizia e l’ospitalità. L’educazione e la collaborazione con i laici sono state una caratteristica unica della nostra Provincia negli ultimi vent’anni. I membri laici dei nostri direttivi portano alla nostra missione una diversità di esperienza, una gamma di capacità di governo e un equilibrio di genere. I collaboratori laici dirigono la maggior parte delle nostre opere più importanti.

2022-04-06_quyen-vu_celebration

Messa domenicale aborigena nella parrocchia della Sacra Famiglia a Sydney, Australia.

Di cosa è orgoglioso, come Provinciale, dopo un anno di incarico?

Devo dire che sono orgoglioso della nostra Provincia perché, nonostante un numero ridotto di gesuiti, portiamo avanti oltre 30 diverse opere insieme a più di 1.800 donne e uomini che condividono la visione ignaziana del servizio della fede e della promozione della giustizia nella Provincia australiana. La maggior parte dei nostri compagni gesuiti sono ancora molto attivi anche se hanno superato l’età della pensione.

Qual è la maggior sfida attualmente per i gesuiti della Provincia australiana?

Ci manca il personale, soprattutto dei gesuiti giovani che possano contribuire alle numerose opere della nostra Provincia.

A livello personale e spirituale - quali sono le sue aspettative, i suoi sogni, la sua speranza che il messaggio del Vangelo abbia un impatto attraverso il lavoro della Compagnia di Gesù in Australia nei prossimi anni?

La mia speranza e i miei sogni sono di continuare a portare avanti l’opera di Dio e di contribuire alla Chiesa in Australia nell’area della spiritualità e del servizio ai poveri e agli esclusi della nostra società. La missione dei Primi Compagni e di Sant’Ignazio era di salvare le anime e di servire Dio attraverso gli altri. Pertanto, la Provincia australiana continuerà a svolgere la missione di Dio nella società dei giorni nostri con gioia e con amore e a portare la Buona Novella a coloro che soffrono di povertà materiale e spirituale.

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni con i media.

Notizie correlate