La Compagnia di Gesù e il Cuore di Cristo

Testo del Padre Generale adattato dalla sua omelia per la Festa del Sacro Cuore 2024

La Compagnia di Gesù non può esistere se il suo cuore non è in sintonia con il cuore di Gesù. Siamo un gruppo umano “con un cuore”, cioè sensibile, capace di essere mosso e agitato da differenti venti. Siamo un corpo chiamato a discernere i sentimenti che ci abitano e a seguire lo Spirito Santo che ci muove attraverso di essi. Conservare il corpo della Compagnia in sintonia con il cuore di Gesù è la priorità che fonda e alimenta la nostra vita-missione.

[...] Attraverso il cuore di Gesù ci si rivela il vero e unico volto di Dio, il Dio amorevole che è totale tenerezza, come lo sperimentiamo nella sua infinita misericordia per gli esseri umani.

Il cuore di Gesù è un cuore attraversato dalla lancia del soldato, strumento dei poteri terreni che hanno preteso e continuano a pretendere di sfigurare il volto amoroso, tenero e misericordioso del Dio creatore di ogni vita. [...]

Rinnovare la consacrazione del corpo della Compagnia al cuore di Gesù significa metterci in ginocchio davanti al Padre. [...] Significa aprire il cuore di questo corpo universale della Compagnia affinché Dio Padre ci conceda che il suo Spirito ci rafforzi interiormente e così Cristo abiti, per la fede, nei nostri cuori e nel cuore della Compagnia.

Lì troviamo la fonte del nostro carisma, attraverso il quale possiamo essere stabiliti e consolidati nell’amore. Di più, potremo comprendere insieme a tutto il popolo di Dio la larghezza e la lunghezza, l’altezza e la profondità dell’amore di Cristo e sperimentare questo amore che supera ogni conoscenza umana, perché così siamo colmati dalla pienezza stessa di Dio. [...]

2024-06-12_sacred-heart-homily_frescos

Il carisma della Compagnia di Gesù non è per sé stessa, ma per collaborare alla missione redentrice e riconciliatrice di Gesù nella storia. È un carisma per contribuire al corpo di Cristo che è la Chiesa, chiamata a predicare la Buona Notizia a tutta l’umanità. San Paolo lo esprime con grande profondità e semplicità: “A me, che sono l’ultimo di tutti i santi, è stata concessa questa grazia: di annunciare ai pagani le impenetrabili ricchezze di Cristo e illuminare tutti sull’attuazione del mistero nascosto da secoli in Dio, creatore dell’universo”.

Il corpo universale della Compagnia, consacrato al cuore di Gesù, in questo XXI° secolo è stato anche inviato con altri in una missione di riconciliazione e giustizia. Le Preferenze Apostoliche Universali orientano il modo concreto secondo cui siamo stati inviati dal Papa Francesco a vivere e realizzare questa missione in questo momento della storia umana. Questa settimana abbiamo messo davanti ai nostri occhi l’entità dello squilibrio ecologico che colpisce il nostro pianeta, gli immensi rischi che rappresenta per l’umanità, specialmente per i poveri, e l’emergenza di dedicarsi alla cura della casa comune, che parte dal sentirla nel cuore del corpo apostolico e dall’aprirci alla conversione del nostro stile di vita-missione a tutti i livelli.

Il cuore di Gesù, attraversato dalla lancia, è desideroso di bagnarci con il suo sangue e la sua acqua. Che la partecipazione a questa Eucaristia aumenti il nostro desidero di ricevere la grazia che ci offre, fortifichi il nostro radicamento nel Signore e ci spinga alla creatività apostolica per collaborare nella cura della Casa Comune.

7 giugno 2024

2024-06-12_sacred-heart-homily_glass
Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni con i media.

Notizie correlate