In Myanmar? No, a Roma!

Pascal Calu, nato nel 1985 in Belgio, è entrato nella Compagnia di Gesù cinque anni fa. Dopo il noviziato e gli studi di filosofia, si stava preparando al passo successivo, quello che sta vivendo ora e che si chiama "magistero", questi due anni di stage o attività apostolica. Si è ritrovato come membro dell'equipe di comunicazione della Curia Generalizia, assegnato al progetto dell'Anno Ignaziano. Questo non faceva parte delle sue aspettative. Lasciamo che ci parli della sua vocazione e del suo lavoro.

“Per me, la scelta della vita religiosa è una scelta di libertà. Vivere i voti di obbedienza, castità e povertà significa fondamentalmente vivere una vita libera. Significa essere libero dalla mia volontà superficiale e dai miei capricci; essere libero da qualsiasi relazione possessiva e capace di essere flessibile per la missione; essere libero dai beni materiali per non essere legato da essi. In questo senso, vivere i voti è un'azione molto controcorrente. Viviamo in una cultura che valorizza molto l'autonomia assoluta, il sesso, il denaro e il successo. Ripensando alla mia vita prima di entrare nella Compagnia di Gesù, posso vedere quanto queste aspirazioni mi rendessero poco libero e quanto i voti siano stati liberatori.

È forse paradossale essere liberati da qualcosa che la maggior parte delle persone considera limitante. Ma per me tocca le verità più profonde sulla vita umana: abbiamo autonomia solo all'interno di una precedente eteronomia. Non apparteniamo a noi stessi, e diventiamo più noi stessi quando ci dedichiamo agli altri. È l'altro/l'Altro che mi investe della mia identità e questo decentramento mi dà veramente il mio posto nella vita. Non sono più il centro, e questo è incredibilmente liberatorio.”

2021-02-08_regency_sm

“Sono entrato nella Compagnia di Gesù il 27 settembre 2016, esattamente 476 anni dopo la fondazione della Compagnia, nel noviziato di Birmingham (Regno Unito). Il noviziato è stato davvero un periodo determinante di conferma della mia vocazione. Poter fare il mese di Esercizi Spirituali è stata una grazia importante. Rimane l'esperienza più difficile, profonda, faticosa, intima e bella della mia vita. Passare 30 giorni in silenzio con il Signore è qualcosa che ti trasforma radicalmente.

Nel noviziato ci è stato chiesto di fare un pellegrinaggio di mendicità da Loyola a Manresa, dal nord al sud nell'est della Spagna. È stata un'esperienza impegnativa sia fisicamente che spiritualmente. Camminare senza soldi e senza telefono, mentre ci si preoccupava di cosa (e se) si potesse mangiare e dove si potesse dormire, era una prospettiva di gran timore. Era un invito a confidare nella provvidenza di Dio. Incontrare tanta generosità e tanta brava gente mi ha aiutato ad affidarmi liberamente a Lui.

Gli anni di studi di filosofia a Parigi mi hanno ulteriormente radicato nella Compagnia e mi hanno aiutato a riflettere più profondamente su alcuni grandi temi e questioni. Mi ha permesso di poter esprimere le convinzioni e le credenze che avevo. Il lato intellettuale della vocazione gesuita è importante e quegli anni di studi di filosofia sono stati un periodo gradito in cui ho potuto in qualche modo ricollegarmi al mio passato accademico. Ma allo stesso tempo, mi ha anche stimolato l'appetito per quella che considero ancora la mia vocazione principale: vivere in un contesto povero, accompagnare i rifiutati e gli emarginati ed essere accompagnato da loro.”

2021-02-08_regency_lam

“In linea con quella che sento essere la mia vocazione più profonda, avevo chiesto di essere mandato in un contesto povero dove avrei potuto vivere una vita semplice con la popolazione locale. Avevo suggerito l'America Latina perché mi ero innamorato di quel continente mentre vivevo lì, un anno prima di entrare nella Compagnia. Il mio Provinciale mi ha mandato dall'altra parte del mondo, in Myanmar. È un paese di cui non sapevo assolutamente nulla e quindi la mia reazione è stata inizialmente di shock. Ma il contesto sembrava giusto e in linea con i miei desideri più profondi, così sono stato felice di accettare la missione.

Ma poi è arrivata la pandemia e non ho potuto andare a Myanmar. Sono stato quindi inviato alla Curia Generalizia a Roma. Invece di andare in un paese con solo il 3% di cattolici, sono andato al centro della Chiesa e invece di vivere e lavorare tra i poveri, sono andato a lavorare in un ufficio nella sede centrale della Compagnia.

Sant'Ignazio e i primi compagni volevano andare a Gerusalemme, in Oriente; ma quando erano a Venezia, nessuna nave poteva partire verso la Terra Santa e decisero di andare a Roma e offrirsi al Papa. Ho pensato a questa situazione quando sono venuto qui. Come per i primi compagni, il mio primo desiderio era per altri lidi, ma adattandoci alla situazione, offriamo la nostra vita a Cristo ovunque ci troviamo. La disponibilità alla missione è spesso impegnativa e a volte comporta l'accantonamento della propria volontà, ma è un aspetto centrale della vocazione gesuita e sono grato di poter vivere questa situazione difficile perché (si spera) mi renderà un gesuita migliore.”

2021-02-08_regency_curia

“Riguardo al mio lavoro in questo momento in Curia, vorrei dire questo. L'Anno Ignaziano celebra il 500° anniversario della conversione di Sant'Ignazio. Generalmente, gli anni giubilari come questo tendono ad essere molto focalizzati sul passato. Quello che mi piace della celebrazione di quest'anno è che non vuole essere bloccata nel passato. L'esperienza di Ignazio di 500 anni fa serve solo come ispirazione. L'obiettivo di quest'anno è che tutti noi possiamo vivere un'esperienza di conversione e rinnovamento, crescendo più vicini a Cristo. La centralità di Cristo in questo anniversario (piuttosto che di Ignazio) è anche cruciale per me. Ignazio è solo un esempio per imparare a seguire Cristo più da vicino. Non è mai il punto di arrivo. Questo anniversario è un modo di guardare all'oggi e al futuro, ispirato dal passato. Questo offre molte possibilità per la spiritualità e questo mi entusiasma.

Anche il fatto che questa celebrazione sia una celebrazione di tutta la famiglia ignaziana è molto significativo per me. Non si tratta di un evento interno ai gesuiti, ma di un'opportunità per tutti coloro che si ispirano alla spiritualità ignaziana di rinnovarsi, di guardare il mondo ancora di più con gli occhi di Cristo e di avvicinarci sempre di più gli uni agli altri; e un'occasione per molti altri di scoprire la ricchezza della spiritualità ignaziana.

Il mio magistero consiste in questa missione e il magistero è una parte importante nella formazione dei gesuiti. È un tempo per crescere più profondamente nella Compagnia e per conoscere meglio la vita apostolica. A questo livello, lavorare nella Curia Generalizia è un modo unico di conoscere la Compagnia universale. Gesuiti di tutto il mondo vivono qui insieme e ogni giorno arrivano informazioni da tutte le regioni. La mia visione della Compagnia universale si è ampliata molto da quando sono arrivato qui.”

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate