San Pietro Claver continua a ispirare i gesuiti in Catalogna

Dopo aver fatto i suoi Esercizi Spirituali annuali a Manresa (Spagna), dove sant’Ignazio iniziò a scrivere la sua guida spirituale, il p. Arturo Sosa ha fatto una visita ad un altro luogo significativo per le origini della Compagnia di Gesù. Si è recato a Verdú, a circa due ore da Barcellona, nella regione di Lérida (Lleida in catalano). Abbiamo chiesto al superiore e animatore della missione dei gesuiti di Lleida, Alexis Bueno Guinamard, di parlarci della presenza della Compagnia in quella zona. Gli abbiamo anche chiesto se la memoria di Pedro Claver, originario della zona, fosse ancora viva.

Padre Alexis, qual è l'importanza di Verdú, questo paesino poco conosciuto, nella storia della Compagnia di Gesù?

Verdú è un paesino nella zona rurale dell’interno della Catalogna (Spagna), che ha visto nascere nel 1580 san Pietro Claver. La sua casa natale è stata trasformata in un santuario e accanto si trova un piccolo ostello per i pellegrini del Cammino Ignaziano (che va da Loyola a Manresa), oltre a una piccola ma molto accogliente comunità di Amici di San Pietro Claver, i quali si occupano di promuovere la sua figura.

Pietro Claver è conosciuto soprattutto per il suo lavoro con gli schiavi... in Colombia. Non essendo più al tempo della schiavitù; come può ispirarci oggi? E soprattutto, come ispira voi gesuiti nel vostro lavoro pastorale in questa zona della Catalogna?

San Pietro Claver è il santo patrono dei gesuiti della Catalogna e la sua figura è fonte di enorme ispirazione per il nostro lavoro. Il suo modo semplice, coraggioso e umile di farsi “schiavo degli schiavi neri” è un impulso per tutto il nostro lavoro di evangelizzazione a prendere sempre in considerazione gli ultimi e, in generale, tutte le catene che restano da spezzare.

Quali sono gli impegni della Compagnia di Gesù qui a Lleida, e come li vede come espressione delle Preferenze Apostoliche della Compagnia?

La missione della Compagnia a Lleida cerca di creare una rete di amici mossi dall’impulso della spiritualità ignaziana. Lavoriamo insieme attraverso diverse opere: il collegio Claver (il santo di Verdú ha dato il suo nome alla scuola) con circa 1.300 studenti; l’organizzazione sociale Arrels-Sant Ignasi; la parrocchia di Sant Ignasi; la CVX Claver e la comunità di suore “jesuitinas” che lavorano nel mondo dell’immigrazione nella città di Alcarràs.

Per quanto riguarda le Preferenze Apostoliche...
- “Indicare il cammino verso Dio”: il nostro lavoro più diretto è forse quello della parrocchia e dell’équipe di spiritualità ignaziana.
- A “camminare con gli esclusi” ci insegna e ci aiuta l’organizzazione sociale Arrels-Sant Ignasi, con la sua attenzione alle persone e alle famiglie minacciate dall’esclusione sociale, siano esse autoctone o immigrate (l’asse dell’ospitalità).
- “Accompagnare i giovani in cammino” si riflette specialmente in tutto il lavoro educativo e pastorale del collegio e dei due centri ricreativi (“Esplais” in Catalogna).
- “Prendersi cura della nostra Casa Comune” è l’oggetto di progetti più recenti e incipienti, con una menzione speciale alla riscoperta di questa dimensione da parte del collegio (è in piena campagna, tra i vigneti, a 15 chilometri dalla città).

Il Padre Generale verrà a passare un po’ di tempo con voi. Cosa vorreste comunicargli in quest’occasione? Cosa si aspettano i gesuiti da quest’incontro?

Abbiamo pensato a una riunione molto semplice. Volevamo piuttosto invitarlo a pregare con noi. Egli rappresenta tutta la Compagnia e così chiederemo al Signore, per intercessione di San Pietro Claver, di rinnovare la nostra sensibilità al dolore di tanti fratelli e sorelle in situazioni di emarginazione, esclusione, pericolo e schiavitù.

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate