Rifugiati e COVID-19: tra i più vulnerabili

La pandemia che sta colpendo il mondo è molto preoccupante. È risaputo che le persone più povere del mondo stanno soffrendo più degli altri per le conseguenze della diffusione del Coronavirus. I loro lavori precari sono spesso i primi ad essere eliminati; l’accesso al cibo e alle medicine è ancora più limitato del solito. Ma tra i dimenticati dalla crisi ci sono circa 80 milioni di rifugiati e sfollati. Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) si sforza di continuare a servire, accompagnare e difendere i rifugiati, nonostante i limiti degli spostamenti e i rischi per il suo personale. Abbiamo chiesto all’équipe internazionale del JRS, a Roma, di descriverci gli effetti della pandemia sui rifugiati.

La maggior parte dei rifugiati e degli sfollati vive in Paesi meno preparati a combattere l’epidemia, dove i conflitti hanno spesso indebolito o distrutto i sistemi sanitari. Inoltre, sono particolarmente vulnerabili alle ripercussioni sociali ed economiche di questa pandemia. In molti luoghi, l’isolamento ha fermato la diffusione della malattia, ma ha anche messo fine alle opportunità di lavoro. Il JRS ha visto aumentare il bisogno di cibo e di altri beni di prima necessità. I trafficanti di esseri umani hanno approfittato della situazione e i matrimoni infantili e/o forzati sembrano essere in aumento.

2020-10-22_jrs-covid_jrs

D’altra parte, non ci sono prove che lo stesso COVID abbia causato l’aumento del numero dei rifugiati, ed è troppo presto per stabilire l’impatto a lungo termine dello sfollamento forzato. Dopo sette mesi di crisi, molte parti del mondo (Thailandia, Ciad, Malawi) stanno riaprendo scuole e servizi sociali, e il JRS lo sta facendo dove possibile. L’istruzione in classe offre protezione e apprendimento, e vogliamo che i bambini tornino a scuola il prima possibile. I rifugiati sono per natura persone di speranza; non sarebbero fuggiti dai loro paesi se non avessero creduto che qualcosa di meglio li aspettava nel piano di Dio. I membri del nostro staff di rifugiati hanno messo a rischio la propria salute per continuare a servire i bisognosi.

Per quanto riguarda gli effetti della pandemia sul lavoro del JRS, tutti gli uffici del JRS hanno dovuto chiudere e passare alla modalità online per almeno un breve periodo; alcuni sono rimasti in questa situazione. L’istruzione in classe è stata interrotta e abbiamo mantenuto i servizi sul campo nel miglior modo possibile. La crisi del COVID-19 ha scatenato una richiesta senza precedenti di soluzioni digitali innovative, e il JRS si è trovato pronto grazie agli investimenti fatti negli anni passati per creare un’infrastruttura digitale affidabile. Questo ha permesso al personale di rimanere connesso a livello globale; ha anche facilitato la continuità di alcuni dei nostri programmi: lezioni via radio e online, insegnamento con WhatsApp e servizi psicosociali. Siamo fortunati che pochi membri del personale del JRS siano stati infettati dal virus. Le misure di sicurezza adeguate fanno la differenza.

Il COVID ci ricorda che qualsiasi pianificazione è in ultima analisi contingente e che l’unico modo per andare avanti è lavorare insieme. Come organizzazione gesuita al servizio delle persone in movimento, il nostro DNA è orientato ad adattarsi ai nuovi e mutevoli bisogni, pur rimanendo fedele alla nostra missione. Lo sfollamento forzato è un fenomeno a lungo termine, con o senza il COVID, e il JRS si sforza di offrire soluzioni a lungo termine che creino opportunità per gli sfollati di ricostruire le loro vite.

Siamo grati per la generosità dei nostri donatori in tutto il mondo. Mentre alcuni non sono stati in grado di donare durante la crisi, molti hanno risposto all’emergenza del COVID con doni generosi. La nuova realtà rappresenta una sfida per i finanziamenti futuri. L’assistenza internazionale da parte dei Paesi (direttamente in sovvenzioni o attraverso il sostegno dell’UNHCR, dell’UNICEF e di altre agenzie) è destinata a diminuire. Tuttavia, i bisogni di coloro che serviamo non diminuiranno, e l’innovazione necessaria per servirli bene richiederà investimenti e creatività. Ci rivolgeremo alla famiglia dei gesuiti per aiutarci a sviluppare l’innovazione e per investire nelle persone che serviamo.

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate