I fatti, in effetti…

2020-03-16_social-ministries_main

“Oh! Una volta detto ‘ogni pover’uomo, donna, bambino
È Gesù Cristo, il mio Dio, che è morto per me’.
La tua vita diventa un paradosso...”

Il P. Joseph Murray Abraham, un gesuita e missionario canadese oltre che pioniere dell’apostolato sociale nel Darjeeling, ha scritto questo testo nel suo libro di memorie. Lo stile di vita, il modello di lavoro e ogni aspetto della vita di un gesuita vengono messi in discussione quando egli entra concretamente in contatto “con gli esclusi”. La Preferenza Apostolica Universale di “camminare con i poveri e gli esclusi” rafforza l’opera missionaria della Provincia del Darjeeling.

Hayden Hall, con la visione dello “Sviluppo umano mediante l’amore e il servizio” ha avuto le sue umili origini nel 1969 sotto la guida del P. Edgar Burns e dei suoi collaboratori laici. Nel corso di cinquant’anni, il seme è diventato un grande albero che ha trasformato la vita di molte persone. La filosofia di Hayden Hall è quella di aiutare le donne ad aiutare se stesse e questo porterà effetti a catena positivi sui loro figli e sulle loro famiglie. Gli attuali programmi comprendono l’assistenza sanitaria per madri e figli, l’alfabetizzazione, lo sviluppo delle competenze e la generazione di reddito, l’alloggio per i poveri, le campagne alimentari, l’assistenza agli anziani e alle vittime di abusi, lo sviluppo della comunità e la leadership laica.

Hayden Hall, with the vision ‘Human Development through Love and Service’ had its humble origin in 1969 under Fr. Edgar Burns and his lay collaborators. Over the fifty years, the seed has grown into a big tree transforming the lives of many. The philosophy of Hayden Hall is to help women help themselves and there will be positive ripple effects on their children and families. The programmes today include Mother and Child Health care, Functional Literacy, Skill development and Income generation, housing for the poor, food campaigns, care for the elderly and the abused victims, community development and lay leadership.

2020-03-16_social-ministries_jesu-ashram

Il fratello gesuita Bob Mittleholtz, missionario canadese, colpito dalla difficile situazione dei malati, degli anziani e dei malati di lebbra abbandonati nelle strade e nelle stazioni ferroviarie di Siliguri, ha aperto il Jesu Ashram agli indigenti nel 1971. Questa casa di cura caritatevole è una missione unica della Compagnia di Gesù con oltre 300 posti letto. Oltre alle cure generiche, il lavoro principale dell’Ashram è quello di curare i pazienti affetti da tubercolosi (oltre 1000 pazienti ricoverati e trattati ogni anno), i lebbrosi (finora ha curato più di 8000 pazienti) e i malati di cancro. Ha anche raggiunto più di 2000 persone affette dall’HIV-AIDS in collaborazione con il governo locale e con l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Queste persone socialmente isolate trovano casa al Jesu Ashram. Oltre all’assistenza sanitaria fornita nell’Ashram, il programma si rivolge anche alle persone che vivono nelle piantagioni di tè con un'indagine sanitaria, programmi di assistenza medica e di sensibilizzazione, oltre alla formazione di operatori sanitari.

Il Centro sociale e agricolo di Sant’Alfonso (SASAC) è stato creato nel 1975 con il motto “Aiutare i poveri ad aiutare se stessi”. Il p. Joseph Murray Abraham, vedendo la difficile situazione degli esclusi, ha fornito loro opportunità come l’istruzione, l’agricoltura, la zootecnia, la silvicoltura, la costruzione di case e la leadership laica. Data l’evoluzione della società, il lavoro ha assunto una nuova dimensione e un aumento della collaborazione laica con la promozione di programmi di sviluppo economico, l’istruzione dei poveri e dei bambini bisognosi e la protezione dell’ambiente.

2020-03-16_social-ministries_women

La fine del XIX secolo ha visto l’arrivo di lavoratori migranti dall’India centrale a questa fascia del nord-est, le colline del Darjeeling, per ripulire la foresta e trasformarla in piantagioni di tè. I lavoratori sono prevalentemente tribali e la loro vita è sempre stata dura nelle piantagioni di tè, con un salario minimo molto basso, un duro lavoro e la vita in rifugi temporanei con infrastrutture limitate. Erano e sono tuttora al fondo della scala sociale e i gesuiti del Darjeeling, per formalizzare questo apostolato sociale, hanno creato il Centro per la ricerca e lo sviluppo della vita umana (HLDRC) nel 2013. I programmi di azione sociale e di sviluppo dell’HLDRC sono molteplici: costruzione di comunità autonome sulla scia della chiusura delle piantagioni di tè e dei mezzi di sussistenza, formazione di gruppi di auto-aiuto, centri di studio, progetti abitativi, campagne per il diritto all’alimentazione, campagne di sensibilizzazione sui programmi governativi, diritti dei lavoratori, aiuti legali e traffico di esseri umani.

Queste, in sintesi, sono alcune delle azioni sociali e delle opere di sviluppo della Provincia in modo formalizzato. Le parrocchie e le istituzioni educative continuano a vivere secondo la preferenza apostolica del “camminare con gli esclusi”. San Henry Newman, che ci guida nella nostra preferenza apostolica insieme al nostro fondatore sant’Ignazio, ha scritto: Non sono le parole, né i sentimenti, ma solo i fatti che possono mostrare l’amore”. I fatti, in effetti!!!

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate