“Avere ali per volare attraverso l’Asia meridionale”

Di Donald Miranda, Provinciale di Patna

Per la prima volta, i Superiori Maggiori della Conferenza dei gesuiti dell’Asia meridionale (JCSA) si sono incontrati online. L’esperienza ha dimostrato che, ben radicati nei nostri uffici, potevamo avere allo stesso tempo le ali per volare attraverso l’Assistenza verso diverse Province in India, Nepal, Sri Lanka, e persino Roma.

L’incontro è iniziato la mattina del 26 ottobre con la consueta bonomia fraterna tra i Provinciali. Solo che questa volta, al posto delle solite pacche sulle spalle, ci siamo salutati agitando le mani, strane facce “virtuali” dietro uno schermo, e sfondi ancora più strani: tendaggi colorati, librerie, tavolini da caffè, condizionatori, ecc. Alcuni sfondi avevano le immagini sobrie e sante del nostro fondatore Sant’Ignazio e della Nostra benedetta Madre, per ricordarci la serietà del nostro impegno online.

Dopo il benvenuto iniziale, le linee guida del Socio, il p. Keith Abranches, e la preghiera di apertura, ci siamo messi al lavoro. Il nuovo Presidente della Conferenza, il p. J. Stanislaus D’Souza, ha presentato il rapporto sulle azioni intraprese dopo la precedente riunione della Conferenza a Kathmandu, in Nepal. Il resto della mattinata è stato occupato dalla mappatura delle opere comuni e della presentazione del personale, e le sue implicazioni per la pianificazione apostolica della Conferenza, fatta in modo molto professionale ed efficace dal p. Siji Chacko, il direttore dell’Ufficio per lo sviluppo della Conferenza.

Da Roma, la presentazione del P. Generale “5G, a batteria” (per usare le sue stesse parole) sulla promozione delle vocazioni e le azioni desiderate, seguita da interazioni con la Conferenza, e da un breve aggiornamento sulla “solidarietà nella formazione”, è stata impeccabile e coinvolgente. Tranne che, a causa dei capricci della tecnologia in alcune parti dell’India, il moderatore è andato offline. Il Socio è accorso rapidamente in suo soccorso, e la conversazione tra il P. Generale e la Conferenza dell’Asia Meridionale ha avuto una conclusione molto fruttuosa.

2020-11-05_jcsa_zoom

La sessione mattutina del secondo giorno è trascorsa nella discussione delle implicazioni della Nuova Politica dell’Istruzione per l’India e l’impegno della Conferenza dell’Asia Meridionale con il JRS Afghanistan. Le persone che si sono occupate delle risorse per il primo sono stati i padri Sunny Jacob e Joye James, mentre i padri Tom Smolich e Louie Albert ci hanno ricordato i nostri impegni in Afghanistan. La seconda metà della giornata è consistita in discussioni in Gruppi Zonali, principalmente sul personale per i Lavori Comuni, l’Incontro dell’Anno Ignaziano dei Fratelli a Roma e le questioni emerse dalle discussioni del mattino.

Abbiamo iniziato il terzo giorno con discussioni in piccoli gruppi sulla conversazione con il P. Generale e sulle questioni che aveva sollevato. Abbiamo anche parlato delle sfide del COVID 19 e dell’Anno Ignaziano del 2021. Le preoccupazioni all’interno dell’Assistenza sulla questione migratoria e la leadership ignaziana hanno occupato i Provinciali durante il resto della giornata. Preziosi contributi sulla migrazione sono stati fatti dal p. Joseph Xavier e sulla leadership ignaziana dal p. Joe Arun. Le discussioni di gruppo miste su entrambi i temi sono state molto utili.

Le sessioni plenarie della mattina del quarto giorno sono state un fruttuoso distillato delle conversazioni in piccoli gruppi dei tre giorni precedenti. La sessione serale ha incluso una breve cerimonia di addio per il p. George Pattery, il presidente uscente, la finalizzazione delle decisioni prese durante la riunione e una revisione dell'intero incontro. Il nuovo presidente ha concluso con un voto di ringraziamento, con la speranza di poterci incontrare di persona per il prossimo incontro, a fine febbraio del 2021.

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate