Il mio confinamento, una benedizione – Testimonianza del p. George Mutholil

La pandemia mondiale ha colpito tutti. Alcuni membri della Curia Generalizia più di altri. L’Assistente del Padre Generale per l’Asia meridionale, George Mutholil, è rimasto bloccato in India a metà marzo ed è potuto tornare a Roma solo il 2 luglio, dopo quasi quattro mesi di confinamento. Come già altri hanno fatto sul nostro sito e sui nostri social media, anche lui testimonia la sua esperienza.

2020-07-14_Mutholil_George2020

Può essere una sorpresa sentirmi dire che i quasi quattro mesi di confinamento che ho vissuto in India sono stati una benedizione. Sono stato testimone del meglio della generosità umana, ma anche della peggiore delle sofferenze umane. Alla fine di tutto questo, mi sento pieno di gratitudine.

Prima la benedizione. I primi mesi del mio confinamento li ho passati presso il XLRI (Xavier Labor Relations Institute), nel campus di Jamshedpur, una struttura sicura nello stato indiano orientale del Jharkhand, dove ho ricevuto protezione e cure eccezionali. Al mattino mi svegliava, letteralmente, il cinguettio degli uccelli; gli stessi che la sera mi tenevano compagnia mentre camminavo per il vasto terreno.

La seconda parte della mia reclusione si è svolta a Delhi, una zona molto colpita dal Covid-19. In tutta la città il numero di casi è salito alle stelle, gli ospedali erano oberati, i pazienti si vedevano negare il ricovero, giravano storie orribili di cadaveri sparsi e disprezzati. Ancora una volta, sono stato benedetto. Risiedevo nel campus della St. Xavier School, con il campo da cricket verde e uccelli ovunque.

2020-07-14_Mutholil_food-distribution

Aspetti romantici a parte, ho accompagnato per due volte a Jamshedpur la squadra di soccorso nei villaggi circostanti. Era per molti versi una scena patetica. Mentre chi aveva la tessera di razionamento riceveva le razioni gratuite, c’erano tante persone che non avevano la tessera. Senza l’attenzione delle organizzazioni non governative e dei gruppi di ex allievi come quelli del XLRI, avrebbero sofferto la fame.

Gli abitanti del villaggio sembravano svolgere le loro attività quotidiane, ma era evidente che l’attività economica si era notevolmente ridotta. I negozi lungo la strada sembravano meno attivi e alcuni avevano addirittura chiuso. C’era un senso di malinconia diffuso. Questi lavoratori giornalieri ora dovevano restare a casa. Peggio ancora, i loro figli e fratelli tornavano da altri stati, spesso con il virus. C’era un clima di paura ovunque. I ricordi confortanti riguardano un’amministrazione civile attiva a Jamshedpur e organizzazioni della società civile in stato di allerta.

Nel frattempo, i migranti di tutto il paese hanno continuato a camminare, a morire di fame, ad essere trattati brutalmente e persino uccisi. Si assisteva in silenzio all’orrore dell’atrocità del regime al potere che continuava ad agire come se niente fosse e a coronare il tutto con discorsi nazionalisti e sciovinisti.

2020-07-14_Mutholil_workers

Mentre milioni di lavoratori migranti lottavano, il regime al potere girava lo sguardo da un’altra parte. Era impegnato a costruire un tempio, ad arrestare coloro che manifestavano contro una legislazione abominevole, a promulgare leggi contro i lavoratori, a massacrare l’ambiente e le popolazioni indigene per mezzo di una nuova legislazione ambientale. Mantra e slogan hanno sostituito i piani d’azione. Le classi medie e ricche prosperano. I poveri languono.

In questi tempi di difficoltà senza precedenti, i gesti più umani sono venuti dai cittadini comuni, che hanno condiviso il loro cibo, l’acqua e la compassione con i loro vicini. Qui risiede la speranza dell’India, nella bontà del cittadino comune; come una vicina solitaria che ha osato uscire dalla sicurezza della sua casa per servire i bisognosi.

“Per il mondo puoi essere una persona, ma per una persona puoi essere il mondo intero”. Che la speranza regni!

Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate