Un giudice nega il rilascio su cauzione al p. Stan Swamy

La richiesta degli avvocati del padre Stan Swamy di uscire su cauzione - a determinate condizioni - per l’anziano gesuita, che è in prigione dall’8 ottobre dello scorso anno, è stata negata da un giudice di Mumbai, il 22 marzo. Il p. Swamy è accusato di aver partecipato ad atti di violenza contro lo Stato indiano.

Questo è un altro giorno “nero” nella saga giudiziaria dell’anziano gesuita. La National Investigation Agency (NIA) - l’agenzia che ha arrestato il p. Swamy - si è opposta al rilascio dietro cauzione a causa della gravità delle accuse. Si tratta della conclusione di questo “capitolo” in un tribunale speciale della NIA, un tribunale di prima istanza. Ora gli avvocati del padre Stan potranno presentare il caso a un tribunale superiore, non collegato alla NIA. Ricordiamo alcuni fatti e il sostegno che il p. Stan ha ricevuto.

Fin dal suo arresto l'8 ottobre 2020, i gesuiti e i loro collaboratori in India e in altre parti del mondo hanno chiesto il rilascio del gesuita Stan Swamy, 83 anni, che è tenuto prigioniero a Mumbai. Padre Stan è stato arrestato con l'accusa di aver complottato insieme a un partito politico maoista illegale contro il governo indiano e per aver partecipato ad atti di violenza durante una manifestazione il 1° gennaio 2018. Queste accuse sono ovviamente false.

2021-03-24_fr-stan_banner

In realtà, il padre Stan e le altre 15 persone che sono state arrestate in relazione a questi eventi sono attivisti dei diritti umani, in particolare per i diritti dei Dalit, dei gruppi indigeni e di altri gruppi di poveri in India. Queste persone impegnate utilizzano strumenti giuridici non violenti per esigere migliori condizioni di vita e il rispetto dei più poveri. Sono i valori del Vangelo che li animano.

L'Ufficio dell'Alto Commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite è stato sensibilizzato sull'ingiustizia dell'incarcerazione del padre Swamy e dei suoi compagni. Ha invitato il governo indiano ad adempiere agli obblighi previsti dal Patto internazionale sui diritti civili e politici. Ma le autorità indiane non ascoltano. Così la Conferenza dei gesuiti dell'Asia meridionale (JCSA) e il Segretariato per la giustizia sociale e l'ecologia della Curia generale hanno unito le loro forze per un nuovo approccio alle Nazioni Unite. Si spera che si facciano nuovamente pressioni sulle autorità giudiziarie indiane. Una petizione online è stata organizzata e inviata all'Ufficio dell'Alto Commissario.

#StandWithStan

Per saperne di più sul padre Stan e il suo apostolato, per saperne di più sul suo arresto e sulle manifestazioni a suo favore che si sono svolte da ottobre, visita il sito a lui dedicato dalla JCSA.
 

VISITA IL SITO WEB
2021-01-15_fr-stan_collage-450
Condividi questo articolo:
Pubblicato da Communications Office - Editor in Curia Generalizia
Communications Office
L’Ufficio Comunicazione della Curia Generalizia pubblica notizie di interesse internazionale sul governo centrale della Compagnia di Gesù e sugli impegni dei gesuiti e dei loro partner. È anche responsabile delle relazioni pubbliche.

Notizie correlate